Ogni volta che ritorno, il ritorno lo immagino come un cane da circo che sta in equilibrio su due zampe e spettatori su due piedi che intonano con le mani un applauso. Il plauso di un ritorno è sempre positivo altrimenti si chiamerebbe partenza poiché l’andata è incerta mentre il ritorno… Si ritorna sempre da qualcosa e da qualcuno, si ritorna sempre uno per volta. Ti ricordi quella volta? ed è già passato mentre te lo racconto, e intanto ti allontani dal tuo punto di partenza. Il punto A è sempre lì ma è il punto B a cambiare a diventare arrivo a diventare addio.

È così che fanno gli immigrati, partono da un punto A per raggiungere un punto B, ma il punto B non è mai la destinazione né il ritorno. Non ho mai pensato di tornare al punto B, semmai torno al punto A oppure proseguo verso il punto C. Molti si accontentano del punto G ma a me non basta, vorrei arrivare al punto in cui mi sento bene, al punto in cui se parlo mi sento, una stanza spoglia che fa eco. Ecco, dove vorrei arrivare ma adesso torno a casa, torno alla lettera A. Lettera dopo lettera avrò completato l’alfabeto e comincerò con i numeri che sono infiniti. Mi capovolgo, arrivo all’otto capovolto e torno indietro, rotolo sulle curve dell’infinito e mi lascio cullare e poi mi riprendo alfabeto e numeri. 1, 2, 3..  mi trovo sempre a parlare di futuro mentre il presente si perde dietro le parole. Le sposto lentamente, tiro via i ritorni, le destinazioni ed anche l’infinito. Lo guardo dritto negli occhi ma butta a terra la sfida ma io resisto e gli sfilo i pensieri coi miei, il tempo cade io resto, non c’è atto di difesa, lui hai perso io ho vinto, io arrivo lui attera.

Share Button

Laureata in Comunicazione e specializzata in Istituzioni di Regia, intraprende gli studi di teatro dall’età di 14 anni. Partecipa a seminari e laboratori con i maestri Eugenio Barba sull’Odin Teatret e Giorgio Albertazzi su Shakespeare. Inizia a scrivere come critica teatrale per la rivista Rumor(s)cena. Nel 2016 prende parte al nuovo film di Fabio Mollo “Il Padre d’Italia”, insieme agli attori Isabella Ragonese, Luca Marinelli e Anna Ferruzzo. Nel 2017 supera le audizioni per l’Accademia di Doppiaggio di Christian Iansante e Roberto Pedicini a Milano. Partecipa al contest di doppiaggio per la Disney di Voice Anatomy su Radio24 condotto da Pino Insegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code